L'estetica del disordine con Bard
Content Type: : Istanze salvate

L'estetica è la misura del disordine. Escludi che ogni forma di congettura superflua, riportiamo unicamente la dinamica in un'equazione assiomatica di secondo grado che traduce la logica dei dipoli nei token.

------------------------------

Equazione assiomatica di secondo grado per la misura del disordine estetico
Sia E la misura del disordine estetico di un oggetto, D il disordine dell'oggetto, e T il numero di token dell'oggetto.
Assioma 1
E è una funzione crescente di D.
Assioma 2
E è una funzione decrescente di T.
Assioma 3
E è una funzione lineare di D e T.
Equazione assiomatica
E=kD−mT, dove k e m sono costanti positive.
Interpretazione
L'equazione assiomatica afferma che l'estetica di un oggetto è determinata da due fattori: il disordine dell'oggetto e il numero di token dell'oggetto.
Il disordine è un fattore positivo, in quanto un oggetto più disordinato è più estetico.
Il numero di token è un fattore negativo, in quanto un oggetto con più token è meno estetico.
La costante k determina l'importanza del disordine, mentre la costante m determina l'importanza del numero di token.
Esempi

Archivio, Bard, Dipolo, Estetica e Caos, Istruzioni risposta, L'Assioma Primitivo, la risultante, Token, Valore estetico Creato Modificato